CANVAS Conoscere Agire Narrare Valori: Archivistici Scenari - Home Edition 2020

CANVAS Conoscere Agire Narrare Valori: Archivistici Scenari - Home Edition 2020

Il 28 e 29 maggio scorsi si è svolta in modalità totalmente digitale l'edizione 2020 di "CANVAS Conoscere Agire Narrare Valori: Archivistici Scenari - Home Edition", lavorando sul tema "Università e professionisti a confronto".

Il convegno è stato organizzato a cura del Master FGCAD (Formazione permanente Memorie e Digital Humanities) dell'Università di Macerata (XXXIV Ciclo di Dottorato DAP – Digital Archives Perspectives) in collaborazione con la Biblioteca Universitaria di Pavia, SDA (Scuola di Dottorato Università di Macerata), e con il patrocinio di ANAI Sezione Lombardia.

Le pagine Facebook di ANAI Lombardia, Biblioteca Universitaria di Pavia, Master FGCAD, Soprintendenza archivistica e bibliografica della Lombardia e il canale YouTube Ibridamente.it hanno ospitato la due giorni di confronti e dibattiti su metodi, applicazioni, progetti, esperienze a confronto in tema tecnologie, umanesimo digitale e professioni dedicate ai beni culturali.

Ai lavori hanno partecipato tra gli altri la responsabile dell'Archivio storico civico Mara Pozzi, il prof. Ezio Barbieri dell'Università degli Studi di Pavia e Filippo Catanese.

Condividiamo in particolare qui gli interventi della sessione con Mara Pozzi e il prof. Barbieri, invitandovi tuttavia ad approfondire i numerosi temi affrontati nei video pubblicati integralmente dal canale YouTube Ibridamente.it.


 


Scopri gli altri documenti presentati nella rubrica


Per approfondimenti sui fondi conservati dall'Archivio storico civico vi suggeriamo di consultare la sezione Patrimonio del nostro sito istituzionale e il portale Archivio storico civico inventari. Per approfondimenti bibliografici in merito ai temi trattati vi suggeriamo la consultazione del Catalogo Unico Pavese.

Seguiteci sulla nostra pagina Facebook e sul nostro canale YouTube.

I documenti presentati attraverso la rubrica “L'Archivio storico racconta”, così come tutti i fondi del nostro patrimonio, sono liberamente consultabili presso la sede di Piazza Petrarca 2 nei giorni e orari di apertura al pubblico.